Requiem for a Film - Clint Mansell


Oggi è domenica e non ho voglia di parlare di cinema. O meglio, ho voglia di parlare di cinema ma di quando questo si incontra/scontra con la musica. In altre parole voglio parlare di colonne sonore.
No, non è esatto. Voglio parlare di un artista che delle colonne sonore ha fatto il suo ambito, uno di quelli che riconosci all'istante nel momento stesso in cui ascolti qualche nota di una sua composizione, qualunque sia il film in questione. Signori e signore, ecco a voi Clint Mansell.

Mansell inizia la sua carriera di musicista professionista nel 1986, come leader dei Pop Will Eat Itself, gruppo britannico a metà strada tra l'indi e l'industrial. Nel 1996 la formazione originaria della band si sciolse e Mansell, cantante e chitarrista, si avviò verso la carriera solista nel mondo del cinema in compagnia dell'amico regista Darren Aronofsky, che lo volle e per il quale curò nel 1998 la colonna sonora del suo debutto, π - Il teorema del delirio
Fu l'inizio di una scalata verso il successo: nel 2000 il musicista si dedico alla colonna sonora di Requiem for a Dream, sempre di Aronofsky, per cui scrisse il componimento sinfonico Lux Æterna, brano che ancora oggi lo contradistingue e che lo consacrò come compositore di talento. Il pezzo fu persino utilizzato come corredo a vari trailer cinematografichi, tra i tanti quelli dei film Sunshine, Il Signore degli Anelli: Le due Torri (in cui, per l'occasione, fu rinominata Requiem for a tower) e Il codice da Vinci.

Lux Aeterna (da Requiem for a Dream)

 

Consolidato il proprio nome, Mansell si occupò delle colonne sonore dei film più disparati, stando sempre attento a coniugare una certa attenzione alle atmosfere e una forza immaginifica impressionante. In grado di suonare tanto epico quanto sottile e delicato senza mai rinunciare alle proprie radici industrial ed elettroniche, compose e curò la soundtrack di film come Abandon, Formula per un Delitto, Moon, Smokin' Aces, The Hole, Doom e il recente Faster

Nonostante la nuova e incredibile notorietà acquisita, il sodalizio con Aronosfky, l'amico che lo aveva portato al successo, non si spezzò: Mansell nel tempo si è occupato della colonna sonora di tutti i film del regista, compreso i suoi più grandi successi The Wrestler e Il Cigno Nero.

Le parole però non rendono giustizia all'opera di un vero e proprio artista, uno di quelli in gradi di dar forza ad un opera cinematografica, qualunque sia il genere a cui questa appartiene. Quindi bando alle ciance e ascoltiamolo con gli occhi lucidi:

The Last Man (da L'albero della Vita)



The Nursery (da Moon)



Nina's Dream (da Il Cigno Nero)



Abandon (da Abandon)



Pi r^2 (da π - Il teorema del delirio)

Commenti

  1. anzi compositore ed esecutore,strumentista ecc...

    RispondiElimina
  2. Sì, lui è un grande, anche se secondo me il meglio di se lo da con l'amichetto suo.

    RispondiElimina
  3. Avete visto che belle le colonne sonore dei film rimasterizzate http://www.youtube.com/user/OriginalSoundtracks

    RispondiElimina

Posta un commento

... e tu, cosa ne pensi?

Post più popolari