Serenity (di Joss Whedon, 2005)


Ricordo che nel 2002 non era facile seguire serie in lingua originale non ancora distribuite su suolo italico. Forse non era facile solo per me, non ricordo, ma di certo non era usanza comune e probabilmente lo facevano solo gli appassionanti. Probabilmente. Non ricordo, all'epoca avevo diciannove anni e guardavo ciò che passavano in tivù, probabilmente guardavo ancora prodotti come Buffy e Angel e non sapevo neanche cosa fosse Firefly. Non sarebbe stato comunque semplice: la serie è durata giusto il tempo di quattordici episodi, in pratica una stagione, poi è stata soppressa. 
Ho nominato Buffy e Angel non a caso, visto che stiamo parlando di Joss Whedon. Chi è? Chi è? I Vendicatori, Quella Casa nel Bosco, Waterworld, Alien - La clonazione? Vi ricordano qualcosa? Alcuni di questi film li ha diretti, altri li ha solo scritti o co-scritti. Firefly è stato un insuccesso tra i pochi (Dollhouse), un altro prodotto incompreso, tanto poco considerato da critica e produttori quanto osannato dai fan. 
Forse è stato per questo, forse perché una propria creatura non si abbandona così, solo perché non ti danno i soldi e i mezzi per accudirla, che Whedon decise nel 2005 di mettersi dietro la macchina da presa per la prima volta e girare Serenity.

La Serenity è una nave spaziale di mercenari, un equipaggio che accetta qualsiasi lavoro compresi quelli meno legali. A capitanare la nave c'è Malcolm Reynolds, reduce della guerra galattica, e tra i suoi abitanti ci sono River e Simon Tam, fuggiaschi dall'Alleanza. 

Serenity è un iper mega episodio finale ma anche un lungometraggio fantascientifico. Un film con una propria dignità individuale ma, allo stesso tempo, inseribile in un determinato contesto che gli permette di acquisire profondità e compiutezza. In pratica va bene sia che lo si veda come prodotto a se stante, sia che lo si guardi dopo i quattordici episodi della serie regolare. Firefly. Il suo regista e ideatore, Joss Whedon, è un colto e geniale conoscitore della cultura pop, dei generi e soprattutto della serie B. Proprio per questo Serenity è un B movie a tutti gli effetti, costato pochi dollari, legato ai topoi del cinema di genere e con evidenti sottotesti politico/sociali.  Lo stesso regista ha definito la sua opera un film sulla libertà che ovviamente (ricordiamoci che è uscito nel 2005) non si dimentica di riferirsi a situazioni politiche e globali dell'epoca: siamo in piena seconda guerra del Golfo, l'apice del colonialismo made in U.S.A. e della politica estera aggressiva di Bush Junior. Del resto le similitudini tra Alleanza e Stati Uniti sono evidenti, come le critiche alle continue intromissioni della super potenza mondiale nelle politiche interne di altri stati, giustificate da un processo di globalizzazione atto a diffondere gli ideali egemoni. In altre parole un processo di normalizzazione che per Whedon non fa altro che privare individui e popoli della propria libertà identità culturale. 


Non che tutto si limiti a questo. Non che ci sia sempre bisogno di leggere un film (in maniera) politicamente (scorretta). Sicuramente la maggior parte della gente l'avrà visto per quello che è: un opera che si rifà alla tradizione ma che la contamina con una modernità anni 2000, con un'azione coreografata e effetti speciali che nonostante i limiti di budget non hanno nulla da invidiare a produzioni ben più costose o blasonate. Il tutto senza gli stilemi tipici dell'epoca, quei rallenty di matrixiana memoria o l'estetica videoclippara alla Michael Bay. Non che si possa quindi definire Serenity un salto nel passato. Più che altro è da apprezzare il tentativo di continuità con in genere, la fotografia polverosa alla space-western (chi ha pensato a Fantasmi da Marte?) e quella dark patinata alla Blade Runner. Ci sono le sparatorie tipiche del genere e le arti marziali coreografate come fossero una danza. Assedi con cannibali pirati spaziali folli e una ribellione alla Star Wars. C'è il vecchio e il nuovo. La retorica dei grandi sentimenti e il sarcasmo della presa in giro. Perché Whedon prende in giro tutti, chiunque, persino se stesso. Gioca con i cliché e quando sembra non esserci speranza ti deride con uno stile fresco fresco. Forse con Serenity era ancora acerbo, forse nel film erano state proiettate troppe aspettative e il fatto che si tratti della conclusione di una serie tv lo rende addirittura superficiale nella caratterizzazione dei personaggi e nella risoluzione di alcune problematiche. Niente che infici la visione, sempre godibile e mai noiosa. 
Se al cinema Serenity non fu il successo che ci si aspettava, la versione dvd riuscì lì dove quella cinematografica sembrava aver fallito. Del resto che la pellicola vale lo dimostrano i numerosi premi vinti e lo stato di cult a cui è assurta. Del resto bisognava aspettarselo, Whedon è un genio. E i geni rimangono geni, anche quando falliscono.


Commenti

  1. Ma dai? Gustosa segnalazione.Me lo recuperero', grazie.
    ...Senti ma, mi perdo tanto se non ho mai visto la serie di cui e' conclusione? No sai..non seguo tv dal '98, + o - . :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per apprezzarlo al meglio bisgona vedere la serie, altrimenti i personaggi potrebbero apparire superficiali e stereotipati (anche se lo stereotipo rimane un po' comunque). Ma si può guardare anche solo come film a se stante, senza problemi.

      Elimina
  2. visto e mi era momosamente piaciuto :3 guardabile sìsì^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contento che ti sia piacito ;)

      Elimina
  3. Be'....visto ieri notte sull'obnubilato tardi...Un onestissima merdaccia mixata di generi e recitata coi piedi.Ma visibile e ben fatta per il suo genere.Ho visto sicuramente di peggio...Tipo Prometheus! 8P
    (Comunque la mia dolce meta' mi ha picchiato per mezz'ora, dopo.Lei sostiene sia stata una ciofeca putrida e puzzolente, di un trashumine stupido senza ritegno anche per il tipo di pellicola.La tua segnalazione mi e' costata lividi) :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualcosa mi dice però che l'avete visto doppiato :P

      Elimina
    2. Aaahhh, perche' se invece lo vedevo in originale!
      Per esperienza so che il doppiaggio spesso dona profondita ai terribili interpreti statunitensi..
      Mica stiamo a parlare di teatro, e che diamine!

      Elimina
    3. Se invece lo vedevi in originale forse lo trovavi più divertente, visto che nel doppiaggio viene azzerato il linguaggio gergale utilizzato. E poi tutti i film si dovrebbero vedere in originale, a meno che il doppiaggio non sia stato scelto dallo stesso regista (mio pensiero)

      Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    5. Ok..Allora facciamo il radical chic che accusa un altro radical chic di essere troppo radical chic! ;D :
      se mi recitassero i film in Sanscrito, allora li vedrei volentieri..ma siccome abbiamo la scuola di doppiaggio migliore del mondo e parecchi interpreti nella storia ci hanno guadagnato in spessore e beltà...

      Elimina
    6. Eravamo i migliori doppiatori al mondo, ora guardiamo la media di doppiatori e ragioniamoci su. E comunque oltre al modo di recitere ci sono le sottigliezze linguistiche. Vedere un film in linga originale è bello è importante per questo.

      Elimina

Posta un commento

... e tu, cosa ne pensi?

Post più popolari