Bruce Willis Day: Slevin - Patto Criminale (di P. McGuigan, 2006)


Ed ecco che oggi è il compleanno di un'icona. Uno che a 58 anni suonati ancora scappa, corre e spara tra esplosioni e battute sagaci. Bruce Willis. Un mito per chiunque sia nato tra gli anni 70-80 (e inizio dei '90, perché no). Avete presente Trappola di Cristallo, Die Hard, Ancora Vivo e l'Ultimo Boy-Scout? Ecco, proprio lui. E visto che stiamo parlando di un mito io e altri esimi colleghi bloggher abbiamo deciso di dedicare a Willis una ricorrenza: il Bruce Willis Day.
Ora, se mi fermassi a pensare ad un film rappresentativo per/con Bruce degli ultimi 10 anni, mi verrebbe in mente Slevin - Patto Criminale. Qualcuno obbietterà che in questa pellicola del 2006 diretta da Paul McGuigan, Willis non è un protagonista, ma è proprio qui il nodo della questione: nonostante non sia il protagonista, ancora una volta il Nostro riesce a catalizzare l'attenzione su di se. E recita in una parte adatta non solo al proprio status di duro, ma persino alla sua età anagrafica.

New York: dopo uno scambio di identità il giovane Slevin si trova coinvolto nella guerra tra due capi criminali e le loro rispettive organizzazioni: Il Rabbino e Il Boss. Ma sembra che il tutto sia stato orchestrato dal mitico assassno Goodcat. Alla fine Slevin sarà costretto ad assecondare i suoi aguzzini, ma forse anche lui ha qualcosa in mente.



Slevin - Patto Criminale (titolo originale: Lucy Number Slavin) è un film pulp, un thriller adrenalinico, un gangster movie cazzuto. No, forse non è nessuna di queste tre cose. E' un film rompicapo che ha come unico scopo disorientare lo spettatore per poi colpirlo - e ci riesce benissimo - con il colpo di scena finale. Il tutto senza prese in giro o trucchetti, solo un tipo di narrazione basato sulle ellissi, grazie a una sceneggiatura che, debitrice di Tarantino e della sua rivoluzione cinematografica anni '90, permette a logorroici personaggi di reggere il palco. Ed ecco che battute al fulmicotone e divertente humor meta-cinematografico distolgono l'attenzione dello spettatore da quello che sta vedendo, permettendogli (perché è tutto volontario) di farsi sorprendere. No, non prendere in giro. Un esempio di cinema a tavolino dove tutto quel che accade non è mai lasciato al caso perché è il meccanismo che conta, al di là di regia (sufficiente) e tutto il comparto tecnico. 

Di certo il cast stellare aiuta, di certo un Josh Hartnett in stato di grazia (quanto diavolo è sempre stato sottovalutato questo attore?) fa simpatia e crea appeal, ma il meccanismo sembra essere ben oleato soprattutto da Willis, che nel ruolo del vecchio killer leggendario non deve neanche parlare: basta il suo classico sorriso ammiccante e lo sguardo da duro a cui ci ha abituato per far scattare l'applauso. Inutile affermare il contrario, il suo è il personaggio più cinematografico e riuscito, bastano tre o quattro sue apparizioni per permettergli di assumere il controllo della scena e il prologo con la mossa Kansas City - simbolo del film stesso (due trame che si sovrappongono: una attira l'attenzione dello spettatore, l'altra permette lo svolgimento sotterraneo della storia) - lo dimostra in tutta la propria semplice potenza. 
Se poi il resto del cast è formato da nientepopodimenoché: Morgan Freeman, Ben Kingsley, Stanley Tucci e Lucy Liu (più che bella nel ruolo di ragazza della porta accanto), la riuscita di un film preciso, simpatico e avvincente ma di consumo e certamente non da annali del cinema, è assicurata. 

Montato con l'accetta, fotografia che passa dal saturo al patinato con facilità disarmante e un pizzico di romanticismo hanno permesso a Slevin - Patto Criminale di farsi notare nel marasma di pellicole pulp-ammiccanti che dal '94 affollano il panorama hollywoodiano. Strano considerando che McGuigan non è un regista degno di nota né, tanto meno, un abile mestierante. Però la scelta di contaminare il dramma metropolitano (potentissimi gli ultimi minuti) con la crime story e la commedia edulcorata è risultata vincente.
Intanto questo film, per Bruce Willis, è stato una boa che ha cambiato i binari della sua carriera. Non fosse per il franchising Die Hard staremmo tranquillamente parlando dell'attore più intelligente nella scelta dei lungometraggi in tanti anni di cinema americano. Ma noi ti vogliamo bene sempre, Bruce, eroe della nostra adolescenza e della nostra età adulta. Buon compleanno.


Gli altri partecipanti alla festa:

Affari Nostri

Commenti

  1. Buon BRUCE WILLIS day , Frank! Slevin in fondo mi è piaciuto come film anche se la regia di McGuigan come hai fatto notare cerca di affossare il tutto con un stile arty che non si può proprio permettere....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, regista molto scarso, però ha girato questo film guardabile....

      Elimina
  2. Buon Bruce Willis Day Frank! questo mi manca, dovrò recuperarlo prima o poi ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Niente di che, un film per passare una serata. Ma Willis merita come sempre ;)

      Elimina
  3. nonostante un sempre valido bruce willis non mi era piaciuto.
    un vorrei essere quentin tarantino, ma non posso
    (neanche lontanamente :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me è piaciuto come pop corn movie. Niente di più che per una serata senza accendere il cervello.

      Elimina
  4. Mi manca anche questo ma un'occhiata potrei concedergliela pi avanti...
    Buon BWD intanto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uno sguardo lo merita, ma non aspettarti nulla più di un filmetto caruccio

      Elimina
  5. Mi è piaciuto moltissimo Slevin!
    BWD!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non sono così esuberante, si lascia guardare e a mente spenta è valido.

      Elimina
  6. Direi da 1 a 10, almeno 7:) Buon BWD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io sono sul 6 1/2. E' piacevole e mi piace riguardarlo, ma la regia... bah...

      Elimina
  7. film molto molto carino anche se non mi è restato molto impresso... e almeno 2 o 3 volte l'avrò visto.
    buon bwd!

    RispondiElimina
  8. Due fighi come Bruce e Josh non passano inosservati.. Carino, ma non sublime. La mossa Kansas City però merita! E chi se non Bruce poteva metterla in atto?!?!
    Buon BWD!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mossa kansas city è la cosa più figa del film :D

      Elimina
  9. Non perfetto, ma un film godibilissimo!
    Buon BWD!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yes, da vedere quando non si ha voglia di altro.

      Elimina
  10. Altro titolo che ho lì da tempo ma non mi decido mai ad affrontare, ma dopo il "montato con l'accetta" la mia voglia è un po' tornata. Buon BWD!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ripeto: non ti aspettare granché, è un film simpatico ma niente di più.

      Elimina
  11. non è uno dei miei film di bruce willis preferito cmq buon BWD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è il miglior film di Willis però lui riesce a renderlo comunque fighissimo :)

      Elimina
  12. Write more, thats all I have to say. Literally, it seems as though
    you relied on the video to make your point. You clearly know what youre talking about, why throw away
    your intelligence on just posting videos to your blog when
    you could be giving us something enlightening to read?

    Have a look at my web site: mazda rx 8 review

    RispondiElimina

Posta un commento

... e tu, cosa ne pensi?

Post più popolari