Boogeyman - L'uomo nero (di Stephen Kay, 2005)


L'altro giorno, girovagando per i canali del digitale terrestre, mi sono imbattutto in un film orribile. Certo, non è una novità, ma di solito non mi fermo a guardare cose brutte, soprattutto se le ho già degnate di uno sguardo in passato.
La prima volta che vidi Boogeyman - L'uomo nero non ne rimasi realmente disgustato. Si era trattato di un filmetto come tanti, nulla più dell'ennesimo horror a base di fobie e apparizoni. Eppure, rivisto otto anni dopo e guardato più per noia che per interesse, ne ho compreso tutte le sfumature peggiori. Che sia stato il solito Sam Raimi e la sua Ghost House Pictures a produrre un aborto come questo, poi, non fa altro che ferire una volta di più l'appasionato di un genere troppe volte svilito, maltrattato e abusato.

Tim è un ragazzo segnato da vari traumi infantili. Quand'era piccolo si convinse che l'uomo nero era uscito dal suo armadio e aveva rapito suo padre. A distanza di anni torna nella casa dei suoi genitori e si appresta ad affrontare le sue paure.

La paura del buio, forse la paura più antica del mondo. E' stato per sconfiggere l'oscurità che l'uomo primitivo ha acceso il primo fuoco, per scacciare le creature che nell'oscurità vivono e prosperano come ombre nella notte. Una di queste è l'uomo nero, il mostro che vive nell'armadio e che vìola l'intimità della camera da letto rapendo i bambini nel sonno per portarli nel proprio mondo. Con un materiale di questo tipo grandi e piccoli registi hanno saputo fare molto, arrivando a dirigere piccoli capolavori e grandi cult. Stephen Kay invece ne tira fuori un filmetto adolescenziale, senza senso, stupido e irritante. Prevedibile. Un film che fa il filo all'horror giapponese ma in maniera sgraziata, senza averne le basi. Perché le storie di fantasmi o di oscure presenze devono essere basate su sfumature che l'Hollywood del prodotto usa e getta non possiede e non conosce. 

Allora che senso ha girare un film di questo tipo? Che senso ha spendere soldi per un prodotto che non andrebbe bene neanche per la tv? E' da lì che viene Eric Kripke, autore del soggetto, ma in questo caso siamo sotto la media. Le dinamiche del cinema, poi, sono diverse da quelle del piccolo schermo. Qui non si salva niente, né la regia, né il montaggio, né tanto meno le musiche di Joseph LoDuca o la fotografia insipida di Bobby Bukowski. Per non parlare del bambolotto monoespressione Barry Watson, buono neanche per Settimo Cielo. Che senso ha spendere soldi per film del genere se poi diventano un fiasco anche al botteghino e tocca realizzare due seguiti completamente indipendenti nel tentativo di rilanciare la figura di un "cattivo" che non incide neanche per sbaglio? Chi lo sa. Per me nessuno. Ma di roba inutile è pieno il mondo e a questo ci stiamo facendo l'abitudine.




Commenti

  1. Terribile a dir poco. Na schifezza immonda!
    Però, dai, tra le varie atrocità prodotte dal raimi, "the possession" e "drag me to hell" (distrutti da tutti) a me non sono così dispiaciuti ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vabbè, per me Drag Me to Hell è già un classico.

      Elimina
  2. perchè girare due seguiti di un insuccesso?Cosa ci guadagnano?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insuccesso rispetto le aspettative. ma sì, ne hanno fatto due seguiti. Le dinamiche hollywoodiane mi sono ancora sconosciute.

      Elimina
  3. l'avevo rimosso dalla memoria e ora sei arrivato a ricordarmelo...madè quanto era brutto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per fortuna c'è di peggio, Bradipo :D non ci si finisce mai di stupire

      Elimina
  4. Risposte
    1. Perché vedere certi film? O perché psrlarne?

      Elimina
    2. La prima che ai detto.
      Ma anche la seconda,tò

      Elimina
    3. Vedere certi film... perché poi posso parlarne male :D

      Elimina
    4. Se non si guardassero film brutti non se ne potrebbe parlare. L'ho rivisto proprio per parlarne male con cognizione di causa, che la prima visione (quando non sapevo fosse brutto) risale a molti anni fa - quando uscì. E poi guardare film brutti dilata la percezione.

      Elimina
    5. Io preferisco le sostanze psicotrope, per quella roba lì.

      Elimina
  5. Ero andata persino al cinema a vederlo, all'epoca. Erano gli anni di rumenta come questa, Al calar delle tenebre, Cursed - Il maleficio (Craven, vergogna!!!), They - Incubi dal mondo delle ombre e altri piccoli orroretti brutti e mosci che chissà perché avevano invaso i nostri cinema come un'orda di Gremlins.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni tot anni il cinema horror viene invaso da un orda di film inutili, tutti uguali e tutti brutti. Sembra quasi una maledizione.

      Elimina

Posta un commento

... e tu, cosa ne pensi?

Post più popolari