Suicide Girls e la bellezza svenduta un tanto al kilo


A volte non ho ben chiaro dove mi vogliano portare certi miei processi mentali. E' un po' come la libera associazione: tu parti da qualcosa di concreto, un pensiero, una considerazione, un'idea e alla fine ti ritrovi da tutt'altra parte. Non so cosa farci, questo tipo di processi sono assolutamente involontari e ribadiscono la totale mancanza di controllo dell'essere umano su se stesso.

Ad esempio, tempo fa riflettevo su una nota figura letterario/cinematografica, quella di Lisbeth Salander, e mi sono trovato a chiedermi come diavolo abbia fatto a divenire di culto. Cioè, parliamoci chiaro, la Salander non ha nulla di attraente se non il modo in cui è stata romanzata. E' un personaggio negativo, al di là dei canoni di bellezza comuni, sociopatico e abbastanza complesso da meritare più dell'attenzione minima che di solito la gente dedica ad un loro simile. Cioè (mi sono chiesto): se è così facile innamorarsi di lei leggendola o guardandola al cinema, perché non lo è altrettanto nella realtà? Chi mai si avvicinerebbe ad una ragazza così, tatuata, coperta di piercing, coperta da vestiti logori, con una capigliatura che definire "alternativa" sarebbe un eufemismo? Ecco, io ne vedo tanti/e di persone - ragazzi - così e la gente non fa certo a gara per portarli/e fuori a cena. Quindi mi sono messo a riflettere su come si sia riusciti a ingabbiare persino il concetto di "alternativo". Su come si sia riusciti a renderlo innocuo. In realtà è stata cancellata qualsiasi tipo di alternativa. L'estetica trasandata, punk e sporca è diventata solo l'ennesima variante preconfezionata. Tatuaggi e piercing decorazioni istituzionalizzate. La diversità azzerata a favore dell'omologazione. E il look alternativo solo un'altra sfilata in passerella.

Poi da lì sono passato a pensare al fenomeno delle Suicide Girls. Non chiedetemi come, non lo so. Al di là di una certa attenzione che non può non suscitare in un uomo, non mi ci sono mai veramente soffermato perché preferisco concentrarmi su un tipo di bellezza più alla mia portata. Eppure le Suicide Girls hanno avuto tanto successo in passato e nulla mi vieta di pensare che continuino ad averne e ne avranno anche in futuro. Forse perché rappresentano proprio questa mutazione genetica che ha trasformato l'estetica alternativa in estetica glamour. E poco importa se si tratta di softcore o di glam modeling. 

Rooney Mara e Noomi Rapace danno un volto a Lisbeth Salander

SuicideGirls (in nome è stato ispirato dal romanzo Survivor di Chuck Palahniuk) è un progetto che nasce nel 2001 sulla rete, l'idea di un sito in cui "spogliare" ragazze punk. Le Suicide Girls però sono qualcosa di più: donne prima di tutto e non modelle nell'eccezione classica del termine. Ragazze dal look particolare (appunto, alternativo) che si spogliano - sì - ma comunicano con i loro fans attraverso il sito e i relativi blog. Un pubblico variegato (uomini e donne, ragazzi e maturi) che per usufruire dei diversi servizi paga una quota annua. Il tutto accompagnato da foto di nudo softcore professionali su cui le stesse ragazzo hanno voce in capitolo. In altre parole SuicideGirls è un brand, il Playboy della nuova generazione, le cui protagoniste non sono donne siliconate e dalla bellezza esplosiva ma standard; sono invece (o dovrebbero essere) donne comuni, pronte ad esprimere la loro personalità attraverso i propri difetti fisici (?) e un look aggressivo/diverso. O, più semplicemente, un modo alternativo di rappresentare la sensualità.

Quello delle SuicideGirls è divenuto un vero e proprio fenomeno di massa che ha dato vita a molteplici cloni (tra cui le italiane Sick Girls) e che è passato da fenomeno di nicchia a tendenza di massa. Un po' come nel delirante discorso che ho fatto poco più su. Ha preso una Lisbeth Salander qualsiasi e l'ha resa di tendenza, spogliandola, patinandola, fotografandola. E se, sullo schermo o tra le pagine di un libro, Lisbeth ha conquistato lettori e spettatori per le proprie caratteristiche romanzesche (e, sì, anche per le attrici scelte ad interpretarla), nella realtà bastano ancora corpi nudi esibiti, un paio di occhioni e lingerie provocante. La bellezza dell'essere se stessi è diventata provocante eccitazione da copertina, venduta un tanto al kilo. E' la possibilità per ragazze normalissime di sentirsi dive o, più semplicemente, belle? Forse. Eppure ora la diversità la si trova al supermercato, a dividere lo scaffale con i prodotti di maggior consumo.








Se ai proprietari delle immagini non piace l'uso che ne faccio, mi contattino tramite l'indirizzo email del blog.


Commenti

  1. " tempo fa RIFLETTEVO su una nota figura " ROTFL per l'eufemismo elegantissimo :PP

    "La gente non fa certo a gara per portarli fuori a cena" ...Lo dici tu! E' pieno zeppo.e lo era anche ai nostri "tempi" ;) Ho sempre trovato molto piu' attraenti zoppie estetiche di quel tipo,rispetto a tipe tirate da gara. Un vera 'gnocca' punkettata a bestia risalta molto di piu' che in tubino e tacco 12,credi amme'.

    Non ho ben capito come ti sembri tanto assurdo il discorso della Salander rispetto alle SG, dato che sono correlate ed interdipendenti.Normale fare un'associazione del genere.Ovvio.

    RispondiElimina
  2. Ahahahah, ci stavo riflettendo davvero :D

    Tornando seri, forse tu (o io) la pensiamo così ma non la ggente. Io vedo certe ragazze sedute sui marciapiedi e i passanti addirittura cambiano lato della strada pur di non passare loro accanto. Oddio, alcune fanno paura pure a me :D

    Il collegamento mentale per me è assurdo perché non conoscevo le SuicideGirls. Cioè, le avevo intraviste in rete o in tv ma mai approfondito. Quindi per far questo colelgamento mentale mi mancava un pezzo e chissà come mai ci ho pensato. Tra l'altro, scrivendo il post ci ho riflettuto, ma inizialmente è stato un vero e proprio salto mentale...

    RispondiElimina

Posta un commento

... e tu, cosa ne pensi?

Post più popolari