[Recensione] Dark Skies - Oscure presenze (di Scott Stewart, 2013)


E io davvero non capisco. Forse la colpa è mia che sono diventato ipercritico oppure ho la puzza sotto al naso, ma davvero faccio fatica a digerire certe pellicole tanto celebrate. E non sto parlando di cinema d'autore o del blockbusterone di turno ma di quelle piccole pellicole di genere che, sebbene vengano ormai concepite per attrarre il grande pubblico e accontentare gli spettatori con tanta voglia di intrattenimento, è agli amanti (del genere) che si rivolgono, lo zoccolo duro, gli unici che comunque al cinema ci vanno al di là di un trailer o una critica negativa sul quotidiano di turno. Quindi davvero io non capisco come molte persone che conosco e di cui stimo i gusti abbiano potuto promuovere una pellicola mediocre come Dark Skies - Oscure presenze, dell'inetto Scott Stewart.

La famiglia Barrett, in evidenti difficoltà economiche, è costretta ad assistere impotetne a strani fenomeni che prima coinvolgeranno la loro casa, poi chi ci abita. Ma si tratta di esaurimento nervoso, del caso e di oscure presenze che sembrano tormentare una classica famiglia della medio-borghesia americana? E da dove vengono? Sono di questo mondo... o di un altro?



Si tratta di contaminazione. La fantascienza che contamina l'horror oppure il contrario. Di case infestate che in realtà sono "visitate". Di citazioni riadattate ad un genere diverso. Di cliché continui che non capisco come possa ancora stupire lo spettatore. Perché se una cosa è talmente risaputa da divenire ovvia, allora non riesce più a provocare stupore, né catarsi, né qualsiasi altro tipo di sensazione. E un film come Dark Skies vive di sensazioni. Un film come Dark Skies deve agire sugli stati d'animo. Allora, a un certo punto, restano solo due possibilità: o il film può provare a toccare corde nuove o deve avere almeno una base tecnica non indifferente. Un film come The Conjuring, pur non raccontando niente di nuovo, è girato divinamente. Sinister, pur essendo tecnicamente mediocre, riesce ad inquietare realmente attraverso un particolare uso delle musiche e del formato video. Dark Skies non fa altro, invece, che riproporre pedissequamente i soliti tre-quattro trucchetti prendendoli in prestito da cult come Poltergeist, Incontri ravvicinati del Terzo Tipo, Amityville Horror, Signs fino ad arrivare a Paranormal Activity, a Insidious e a tutto quel cinema horror di successo più recente. E non aggiunge nulla di nuovo. E tocca le solite corde sul punto di spezzarsi.


Anche dal punto di vista tecnico non è che questo Dark Skies faccia gridare al miracolo. Non fraintendetemi: il film non è diretto male e questa è la prova migliore, fino ad ora, di Scott Stewart (qui anche nelle vesti di sceneggiatore) ma la mediocrità di questo regista statunitense è tutta nel rimanere sullo sfondo. Nulla eccelle in questo fanta-horror. Guardandolo si rimane imprigionati in un già visto che scorre senza balzi o fatica, un orrore innocuo che si riprende solo nel finale tutt'altro che positivo. Non mancano gli sbalzi di rumore, i colpi subdolamente a sorpresa, lo spiegone centrale (affidato a un sempreverde J.K. Simmons) e tutto quel comparto di trucchetti che qui viene applicato in maniera metodica.

Insomma, Dark Skies non è un film brutto ma è un film che non aggiunge assolutamente nulla a quanto visto tanto negli ultimi anni quanto nel passato meno recente. Non è perturbante, né catartico. Io l'ho trovato addirittura noioso. Ed è stato salutato come l'ennesimo horror rivoluzionario. Che horror non è, infondo. Bah. Ma ormai si tende ad esaltare qualunque cosa, che mi stupisco a fare.


Commenti

  1. Gusto puramente personale: ormai tendo a gridare al miracolo ogni volta che un horror, pur contaminato come questo, me la fa fare sotto dalla paura. Questo Dark Skies ci era riuscito e non solo. Ho molto apprezzato infatti anche la presenza di un personaggio incapace di offrire soluzioni facili alla famiglia in pericolo, lasciata letteralmente allo sbando (questo invece si chiama sadismo!) XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ho scritto, qualcuno potrebbe giustamente essere colpito da questo film. Ma io con gli horror tendo ad essere sempre severo. Questo non mi ha preso, anzi, mi ha annoiato. Ma brutto non è, assolutamente.

      Elimina
  2. sono d'accordo: film guardabile e niente più.
    se qualcuno ha gridato al miracolo è giusto perché è stata un'annata tragica per l'horror...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vabbè, ma non è che per ogni horror decente o accettabile o anche solo mediocre bisogna gridare al miracolo, altrimenti le aspettative si alzano, la delusione è più cocente ma, soprattutto, il livello precipita.

      Elimina
  3. D'accordissimo in senso assoluto sul discorso. Vedi me iersera con Holy Motors...

    RispondiElimina
  4. Non sarà un miracolo, senza dubbio, ma è comunque un prodotto più che onesto.
    Essere ipercritici, comunque, a volte toglie troppo alla visione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, Ford, tu lo sai che non sono uno con la puzza sotto al naso. Solo che con l'horror ci sono cresciuto e io non riesco ad accontentarmi. Che poi non chiedo tanto, oramai mi basta anche un Sinister!

      Elimina
  5. Film senza infamia né lode. 'Un film', punto. Anche se detta così suona molto male...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, suona maluccio ma è proprio così :D

      Elimina
  6. anche per me non è un miracolo o una new sensation..è un filmetto che diverte il giusto, senza troppe complicazioni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati che a me non ha nemmeno divertito :D

      Elimina
  7. Ho lasciato passare, film come questo puzzano distante un chilometro, per di più Stewart non è che si sia fatto molto amare con i suoi film precedenti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo, confronto alle altre due sue pellicole, è un capolavoro :D comunque il film non è brutto, semplicemente è visto e rivisto senza nessun guizzo, anzi.

      Elimina

Posta un commento

... e tu, cosa ne pensi?

Post più popolari